Categorie
Informazione Politica

I documenti di Wikileaks sono stati pubblicati

julian assange
Julian Assange fondatore di WikiLeaks
I temuti documenti privati della diplomazia mondiale, in possesso di Wikileaks sono stati pubblicati, anche se il sito ufficiale Wikileaks al momento non è visibile, potrebbe essere sotto attacco informatico oppure non riesce a gestire il numero elevato di visite che sta avendo da tutto il mondo.

I documenti di Wikileaks, comunque sono stati consegnati al New York Times al Guardian e a molti altri giornali e testate giornalistiche.
Ci sono notizie e file che riguardono anche il nostro paese, all’Italia si accusa i rapporti con la Russia: “Lucrosi contratti nel campo energetico”. Un file pure su Frattini: “Frustrato dal doppio gioco della Turchia”. Nel 2009 Ban Ki-Moon fatto spiare dal Dipartimento di Stato Usa. Sull’Arabia Saudita: “Voleva attaccare l’Iran”. Su Erdogan: “Tendenze islamiste”. Putin definito “alpha dog”. Detenuti di Guantanamo imposti ai Paesi stranieri e Berlusconi sembra portavoce di Putin.

Logicamente è la diplomazia americana la più bersagliate, la maggior parte degli ultimi tre anni, fornisce una visione senza precedenti trattative dietro le quinte da ambasciate di tutto il mondo, viste brutalmente senza nessun tipo di filtro con opinioni schiette sui leader stranieri e valutazioni oneste della minaccia nucleare e terrorismo .


La comunicazione anticipata dei file già sta facendo venire i brividi alla diplomazia mondiale, per le possibili complicazioni tra le relazioni con alcuni paesi, influenzando gli affari internazionali in modi che sono impossibili da prevedere.

Segretario di Stato Hillary Rodham Clinton e gli ambasciatori americani in giro per il mondo hanno contattato funzionari stranieri nei giorni scorsi per segnalare loro l’informativa prevista. Una dichiarazione dalla Casa Bianca di domenica ha detto: “Noi condanniamo nei termini più forti la diffusione non autorizzata di documenti riservati e sensibili le informazioni di sicurezza nazionale”.

“Il presidente Obama sostiene, responsabile, aperto e governo responsabile in patria e in tutto il mondo, ma questa azione sconsiderata e pericolosa è in contrasto con tale obiettivo “, dice la nota. “Rilasciando e classificato documenti rubati, Wikileaks ha messo a rischio non solo la causa dei diritti umani, ma anche la vita e il lavoro di questi individui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.