Categorie
Entertainment

Netflix e Pelè: il re del calcio

Netflix e Pelè: il re del calcio

 

Poche settimane fa, per esattezza il 23 febbraio 2021, è uscito su Netfix uno straordinario documentario su Pelé, il calciatore brasiliano considerato tra i più forti di ogni epoca. “Pelé: il re del calcio” racconta quella che è la storia calcistica e professionale, ma anche umana, del giocatore classe 1940, leggenda del calcio mondiale che ha rappresentato l’apice nella storia di questo sport prima dell’avvento di Maradona e del duopolio formato da Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, che sta tuttora continuando a dominare il calcio mondiale.

Proprio in questi giorni, il nome di Pelé è stato associato a quello di Cristiano Ronaldo per il fatto che il campione portoghese abbia superato il numero di reti siglate dal fenomeno brasiliano nelle partite ufficiali. Ovviamente, è difficile avere un conteggio preciso delle partite ufficiali disputate da Pelé più di sessant’anni fa, ma si suppone che la cifra raggiunta da Cristiano Ronaldo, 760 goal, sia superiore rispetto al numero di reti siglate dal brasiliano. Come testimoniano le scommesse sportive online, il fenomeno che ora milita nella Juventus sta continuando a inanellare record su record e anche quest’anno è in lizza per vincere il titolo di capocannoniere del campionato italiano, e il superamento del numero di goal siglati da Pelé si aggiunge ad un palmares individuale e collettivo invidiabile.

Il film, diretto da Ben Nicholas e David Tryhorn, con Kevin MacDonald nelle vesti di produttore esecutivo, racconta con un alto grado di profondità e verticalità il periodo di dodici anni in cui il calciatore brasiliano, tra il 1958 e il 1970, è passato dall’essere una superstar in tema calcistico a un’autentica icona salvifica per l’intero popolo brasiliano, immerso in anni di grande fermento sociale. Edson Arantes do Nascimiento (questo il nome completo del calciatore poi ribattezzato e conosciuto da tutto il mondo come Pelé) vanta, infatti, nel suo glorioso palmarès la vittoria di ben tre delle cinque Coppe del Mondo vinte dalla nazionale brasiliana, selezione di calcio più titolata di sempre: Svezia 1958, Cile 1962 e Messico 1970. Alle altisonanti conquiste fatte con la maglia del suo Paese, a cui Pelé è sempre rimasto legato e di cui si fece ambasciatore nell’ambito di diverse iniziative anche nei decenni successivi al suo ritiro dal mondo del pallone, si aggiungono dieci campionati Paulista, sei campionati Brasileirão e due coppe Libertadores con la maglia del Santos, club con cui ha giocato per l’intera durata della sua carriera.

I premi e record individuali non sono da meno, e anzi è difficile elencarli tutti: maggior goleador di una nazionale sudamericana, calciatore ad aver segnato più goal in campionato con una stessa maglia, undici volte capocannoniere del campionato Paulista, atleta del secolo del CIO nel 1999, calciatore del secolo della FIFA nel 2000 e, fino a pochi giorni fa, era anche il giocatore con più goal siglati (757) in partite ufficiali. Se solo, all’epoca, fosse già esistito il Pallone d’Oro e Pelé avesse giocato per un club europeo, è probabile che il fenomeno brasiliano avrebbe stabilito un altro record sensazionale.

Il documentario è assolutamente interessante anche per chi non mastica assiduamente il mondo del calcio. Nel documentario figurano anche diverse interviste e apparizioni di alcuni compagni della star brasiliana, tra cui Zagallo, Jairzinho e Amarildo, insieme a diversi parenti, giornalisti e altre celebrità dell’epoca che hanno vissuto e condiviso i momenti di apice professionale dello straordinario calciatore. Il documentario prosegue la lista delle diverse produzioni realizzate negli ultimi anni su volti noti del calcio mondiale, da Maradona a Tevez, da Totti ad Aguero, dagli stessi Cristiano Ronaldo e Messi a Zidane e Buffon. Anche il documentario su colui che è considerato il re del calcio è imperdibile.

Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.