Categorie
cultura

Modi di dire, proverbi e aforismi

Ecco una serie di modi di dire e aforismi napoletani, che derivano sa una saggezza popolare vecchia come la storia dell’uomo.

Al primo posto metto un aforisma del Maestro Eduardo De Filippo:

«E’ proibito dare consigli quando la gente non li chiede.»
A tirchio pare ca ‘o culo l’arrobba a cammisa

Al tirchio sembra che il suo sedere gli ruba la camicia

Arbere e figli s’adderezzano sulo quanno so’ piccerille

Alberi e figli si possono correggere solo quando sono piccoli

Chiamma S.Paolo primma e vedè a serpe

Chiama S.Paolo (chiede aiuto) ancor prima di vedere il serpente

Si nasce fortunato, jettate a mmare, cchè mare te caccia fore

Se nasci fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia fuori (non corri rischio di affogare)

A femmena ciarliera è na mala mugliera

La donna chiacchierona è una cattiva moglie (pensa a parlare e non a lavorare)

‘A coppa a Sant’Elmo vo’ piglià u purpo a mmare

Da Sant’Elmo vuole prendere il polipo a mare (Sant’Elmo è un castello situato sulla collina del Vomero a Napoli)

Primma l’aggia mparà e ppò l’aggia perdere

Prima lo devo istruire e poi lo devo perdere

Astipa e miette ‘ncore, quanno è tiempo caccia fore

Conserva e tienilo in cuore, al momentopportuno tiralo fuori

Giacchino facette a legge e Giacchino fuje acciso

Gioacchino (Murat, re di Napoli) fece la legge (che prevedeva la pena di morte), e proprio lui la subì (fu fucilato)

Nun se sape tenè tre cicere mmocca

Non sa tenersi tre ceci in bocca (non è capace di tenere un segreto)

‘O supierchio rompe ‘o cupierchio

Ciò che è superfluo (fuoriesce dallo scatolo), rompe il coperchio

‘Nfronte nun tengo scritto: Giucondo

In fronte non tengo scritto Giocondo (non sono scemo)

‘A femmena è comme a campana: si nun ‘o tuculeja nun sona

La donna è come la campana: se non lo tocca non suona

Comme Catarinea Barbareja e comme Barbareja Natalea

Come il tempo è a S.Caterina, così sarà a S.Barbara ed a Natale

Se volete inserire vostre citazioni proverbi non presenti qui, spediteli all’indirizzo di posta elettronica di A..ZZ! e anche il vostro nome comparirà tra quelli celebri.

Amici e pariente nun ce accattà e nun ce vennere niente

Da amici e parenti non comprare e non vendere niente

E’ mort’ a creatura, nun simm’ chiù cumpar

E’ morto il bimbo, non abbiamo più nulla in comune

Valgono chiù l’uocchie che e schioppettate

Colpiscono più glicchi che le fucilate

I ciucci s’appiccicano e i varili se scassano

Gli asini litigano ed i barili si rompono

Dicette tarlo a’ noce: damme tiempo ca te sportoso

Disse il tarlo alla noce: dammi tempo perché riuscirò a perforarti

A Pulecenella verono sulu quanno va in carrozza

A Pulcinella lo vedono solo quando va in carrozza

gni scarrafone è bell’a mamma soia

gni scarafaggio è bello per la sua mamma

Chi bello vo parè, guai e pene adda patè

Chi bello vuol sembrare, guai e pene deve soffrire

Pè mmare nun ce stanno taverne

In mezzo al mare non ci sono grotte

A nava cammina e a fava se coce

La nave cammina e la fava si cuoce (quando due cose sono indipendenti)

Se chiure na porta e s’arape nu portone

Si chiude una porta e si apre un portone

Trasire e spighette e metterse e chiatto

Entrare di fianco e poi allargarsi comodi

Amore verace, s’appiccica e po’ fa pace

Quando l’amore è vero si litiga e poi si fa pace

Vo’ u’ cocc’ munnat’ e buon’

Vuole il cocco bello e pulito

A carne fa carne, ‘o vino fa sango e a fatica fa jetta sango

La carne fa carne, il vino fa sangue ed il lavoro fa buttare il sangue

‘U ppoco abbasta, ‘u supierchio avanza

Il poco basta, il superfluo avanza

Arremediammo pe mmo, ca Dio nce penza appresso

Arrangiamo perra, perchè poi Dio ci pensa

E’ cchiù facile ncappà nu terno lotto, ca ncappà na bona mugliera

E’ più facile indovinare un terno al lotto, che trovare una buona moglie

Chi è prena, adda figlià

Chi è incinta deve partorire (inevitabilità di certe situazioni)

Aspettà e nun venì, è na pena da murì

Aspettare chi non viene è una pena da morire

Dicette ‘o cacciatore nfaccia ‘a quaglia:cchiù auto vaje e cchiù lo butto piglie

Disse il cacciatore alla quaglia: più in alto vai e più rischi (chi è in alto è un bersaglio più facile da colpire)

‘O pietto forte vince a mala sciorta

Chi è forte supera i colpi di sfortuna

‘A chella pure e gatte le fanno l’ove

A quella anche le gatte le fanno le uova (si dice di una donna molto fortunata)

T’ha fatto a serenga

Ti ha fatto una siringa (ti ha fregato)

Manco pittato se po ffà nu bbuono matremmonio

Neanche dipinto si può fare un buon matrimonio

San Giuseppe nc’ha passato a chianozza

San Giuseppe le ha passato la pialla (per indicare una donna priva di curve)

‘A vecchia all’otto e maggio vuttaje trapanaturo a ‘o ffuoco

L’otto maggio la vecchia mise un ciocco sul fuoco (per dire che a maggio può fare ancora freddo)

Pure ‘e pullece teneno a tosse

Anche le pulci tengono la tosse (per dire che è un’assurdità)

Chi nun ha, nun è

Chi non possiede, non vale niente

Chi poco tene, caro tene

Chi ha poco, lo tiene ben caro

Puozza murì e truono a chi nun piace bbuono

Possa morire fulminato, chi non ama le cose buone

‘A tirchio pare ca ‘o culo l’arrobba a cammisa

Al tirchio sembra che il suo sedere gli ruba la camicia

Arbere e figli s’adderezzano sulo quanno so’ piccerille

Alberi e figli si possono correggere solo quando sono piccoli

Chiamma S.Paolo primma e vedè a serpe

Chiama S.Paolo (chiede aiuto) ancor prima di vedere il serpente

Si nasce fortunato, jettate a mmare, cchè mare te caccia fore

Se nasci fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia fuori (non corri rischio di affogare)

A femmena ciarliera è na mala mugliera

La donna chiacchierona è una cattiva moglie (pensa a parlare e non a lavorare)

‘A coppa a Sant’Elmo vo’ piglià u purpo a mmare

Da Sant’Elmo vuole prendere il polipo a mare (Sant’Elmo è un castello situato sulla collina del Vomero a Napoli)

Primma l’aggia mparà e ppò l’aggia perdere

Prima lo devo istruire e poi lo devo perdere

Astipa e miette ‘ncore, quanno è tiempo caccia fore

Conserva e tienilo in cuore, al momentopportuno tiralo fuori

Giacchino facette a legge e Giacchino fuje acciso

Gioacchino (Murat, re di Napoli) fece la legge (che prevedeva la pena di morte), e proprio lui la subì (fu fucilato)

Nun se sape tenè tre cicere mmocca

Non sa tenersi tre ceci in bocca (non è capace di tenere un segreto)

‘O supierchio rompe ‘o cupierchio

Ciò che è superfluo (fuoriesce dallo scatolo), rompe il coperchio

‘Nfronte nun tengo scritto: Giucondo

In fronte non tengo scritto Giocondo (non sono scemo)

‘A femmena è comme a campana: si nun ‘o tuculeja nun sona

La donna è come la campana: se non lo tocca non suona

Comme Catarinea Barbareja e comme Barbareja Natalea

Come il tempo è a S.Caterina, così sarà a S.Barbara ed a Natale

E cchiù fesse songo sempe e primme a parlà

I primi a parlare sono sempre i più fessi

A cajola pure ndurata è sempe nu carcere pe l’auciello

La gabbia, anche se dorata, è pur sempre un carcere per l’uccello

Senza dinare nun se cantano messe

Senza soldi non si cantano messe

Quanno a femmena bona è tentata e restanesta, significa ca nun è stata tentata buon’

Quando una bella donna è tentata e restanesta, significa che non è stata tentata bene

Pare a nave e Franceschiello: a puppa cumbatteveno e a prora nun ‘o sapeveno

Sembra la nave di Francesco: a poppa combattevano ed a prua non lo sapevano

Quanno ‘o Signore nzerra na porta, arape nu portone

Quando Dio chiude una possibilità, ne apre un’altra più grande

Pe mancanza d’uommene se fanno i ciucce cape e casa

Per mancanza di uomini si nominano gli asini capi di casa

Vesti sciccone ca pari barone

Vesti elegante che sembri nobile

Nun sape comme se mantene all’erta

Non sa come si mantiene in piedi

Chi tene vacche, ducate e turnese, sotto sotto se tene marchese

Chi possiede vacche e soldi, si ritiene nobile

Nun t’a piglià cu chi è cchiù forte e te

Non scontrarti con chi è più forte di te

L’omme spusato a fune s’è attaccato

L’uomo sposato si è legato con una corda

E pierzo Filippo e ‘o panaro

Hai perduto tutto: l’amico (Filippo) e il paniere

Ha fatt’ dojeva int’ a nu piatt’

Ha fatto due uova in un piatto (Si è sistemato bene)

Ca vocca chiusa nun traseno mosche

Con la bocca chiusa non entrano mosche (talvolta è meglio tacere)

A carne fa carne, ‘o vino fa sango e a fatica fa jetta sango

La carne fa carne, il vino fa sangue ed il lavoro fa buttare il sangue

‘U ppoco abbasta, ‘u supierchio avanza

Il poco basta, il superfluo avanza

Arremediammo pe mmo, ca Dio nce penza appresso

Arrangiamo perra, perchè poi Dio ci pensa

E’ cchiù facile ncappà nu terno lotto, ca ncappà na bona mugliera

E’ più facile indovinare un terno al lotto, che trovare una buona moglie

Chi è prena, adda figlià

Chi è incinta deve partorire (inevitabilità di certe situazioni)

Aspettà e nun venì, è na pena da murì

Aspettare chi non viene è una pena da morire

Dicette ‘o cacciatore nfaccia ‘a quaglia:cchiù auto vaje e cchiù lo butto piglie

Disse il cacciatore alla quaglia: più in alto vai e più rischi (chi è in alto è un bersaglio più facile da colpire)

‘O pietto forte vince a mala sciorta

Chi è forte supera i colpi di sfortuna

‘A chella pure e gatte le fanno l’ove

A quella anche le gatte le fanno le uova (si dice di una donna molto fortunata)

T’ha fatto a serenga

Ti ha fatto una siringa (ti ha fregato)

Manco pittato se po ffà nu bbuono matremmonio

Neanche dipinto si può fare un buon matrimonio

San Giuseppe nc’ha passato a chianozza

San Giuseppe le ha passato la pialla (per indicare una donna priva di curve)

‘A vecchia all’otto e maggio vuttaje trapanaturo a ‘o ffuoco

L’otto maggio la vecchia mise un ciocco sul fuoco (per dire che a maggio può fare ancora freddo)

Pure ‘e pullece teneno a tosse

Anche le pulci tengono la tosse (per dire che è un’assurdità)

Chi nun ha, nun è

Chi non possiede, non vale niente

Chi poco tene, caro tene

Chi ha poco, lo tiene ben caro

Puozza murì e truono a chi nun piace bbuono

Possa morire fulminato, chi non ama le cose buone

Amici e pariente nun ce accattà e nun ce vennere niente

Da amici e parenti non comprare e non vendere niente

E’ mort’ a creatura, nun simm’ chiù cumpar

E’ morto il bimbo, non abbiamo più nulla in comune

Valgono chiù l’uocchie che e schioppettate

Colpiscono più gli occhi che le fucilate

I ciucci s’appiccicano e i varili se scassano

Gli asini litigano ed i barili si rompono

Dicette tarlo a’ noce: damme tiempo ca te sportoso

Disse il tarlo alla noce: dammi tempo perché riuscirò a perforarti

A Pulecenella verono sulu quanno va in carrozza

A Pulcinella lo vedono solo quando va in carrozza

gni scarrafone è bell’a mamma soia

gni scarafaggio è bello per la sua mamma

Chi bello vo parè, guai e pene adda patè

Chi bello vuol sembrare, guai e pene deve soffrire

Pè mmare nun ce stanno taverne

In mezzo al mare non ci sono grotte

A nava cammina e a fava se coce

La nave cammina e la fava si cuoce (quando due cose sono indipendenti)

Se chiure na porta e s’arape nu portone

Si chiude una porta e si apre un portone

Trasire e spighette e metterse e chiatto

Entrare di fianco e poi allargarsi comodi

Amore verace, s’appiccica e po’ fa pace

Quando l’amore è vero si litiga e poi si fa pace

Vo’ u’ cocc’ munnat’ e buon’

Vuole il cocco bello e pulito

Tanta niente, accedettero n’asino

Tanti pesi modesti, uccisero un asino

Getta a pretella e nasconde a manella

Getta la pietruzza e nasconde la manina

A gatta pe fa e press, facette e figli cieche

La gatta per far presto, fece i figli ciechi

Uocchie chine e mane avvacante

cchi pieni e mani vuote

Chi ha avut avut e chi ha rat ha rat

Chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato

Io torno do muorto e vuie dicite ch’è vivo

Io torno dall’aver visto il morto e voi dite che è vivo

Madonna mia, nun fa murì a Nerone!

Madonna mia, non far morire Nerone (c’è sempre di peggio)

Nun fann’ascì lardo afora a pignatta

Non fanno uscire il lardo fuori dalla pentola (si dividono tra loro quanto c’è di positivo)

A carne a sotto e i maccarune a coppo

La carne sotto ed i maccheroni sopra (quando le cose vanno al contrario di come dovrebbero)

I solde fanno ascì a vista ai cecat’!

I soldi fanno venire la vista anche ai ciechi!

A merla cecata facette nido e notte

La merla cieca fece il nido di notte

I figli so piezze e core

I figli sono una parte del nostro cuore

strummolo a tiriteppolo e a funicella corta

Lo strummolo storto e la corda corta (non c’è nulla di buono)

Levamm’ a tavern ‘nanz a Carnevale

Togliamo le bibite davanti a Carnevale

pesce fete da capa

Il pesce puzza dalla testa

figlio muto a mamma ‘ntende

La mamma comprende il figlio muto

Nisciuno dice: lavate a faccia ca pare chiù bel’e me

Nessuno dice: lavati la faccia così sembri più bello di me

Acquaiò, l’acqua è fresca? Manc’a neva!

Acquaiuolo, l’acqua è fresca? Nemmeno la neve! (è così fresca)

Facesse na colata e ascesse sole!

Facessi un bucato e uscisse il sole! (ogni volta che lavo i panni piove, cioè mi va tutto storto)

Chi te sape t’arape

Chi ti conosce, ti viene a derubare

L’altarino è piccirillo, ma è pieno e devozioni

L’altare è piccolo, ma è pieno di ex-voto

A creature nu prumettere e a Santi nun fa voto

Non promettere ai bambini e non far voto ai Santi

Mannagg suricillo e a pezza’nfosa!

Mannaggia al topolino e alla pezza bagnata

Cu na funa nganna

Con una corda alla gola

Trica e vene pesante

Aspetta e viene considerevole

U commannà è meglio do sfottere

Comandare è meglio del fornicare

Scart frusc’ e pigl’ primmer

Eviti una scartina e te ne capita una peggiore

Zitto zitto miezo mercato

A bassa voce al mercato (Dire un segreto in pubblico raccomandando di non riferirlo ad altri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.