,

Da Napoli al resto del mondo: alcune dritte per la spedizione di alimenti verso l’estero

L’Italia è famosa in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti alimentari DOP, soprattutto quando provengono da regioni con una tradizione di enorme valore nel settore dell’eno-gastronomia, come ad esempio la Campania e nello specifico, Napoli. E dato che il comparto dell’export sta attualmente registrando un vero e proprio boom, sarà assolutamente il caso di vedere come cavalcare l’onda del marchio made in Italy e, dunque, come spedire all’estero alimenti quali l’olio, il vino ed i liquori.

Attenzione alle norme sulla spedizione di generi alimentari

La prima cosa che dovete sapere, quando spedite generi alimentari, è che esistono delle norme europee da rispettare tassativamente. Non tutti gli alimenti, infatti, sono uguali: quelli deperibili, come ad esempio il latte, necessitano della presenza della cosiddetta catena del freddo, ovvero di una spedizione tramite mezzi di trasporto dotati di celle frigorifere e in possesso della certificazione HACCP. Da questo punto di vista, chi deve spedire alimenti non deperibili, come ad esempio il vino e l’olio, può tranquillamente farlo senza preoccuparsi di queste restrizioni, limitandosi al rispetto dei regolamenti vigenti nel paese straniero che dovrà ricevere i prodotti.

Spedire gli alimenti con un imballaggio apposito

I generi alimentari necessitano di un imballaggio apposito, che possa conservarne lo stato originario ed evitare che eventuali urti o scossoni possano rompere le confezioni. Ad esempio il modo migliore per spedire le bottiglie di vino o di olio è utilizzare queste scatole di cartone per bottiglie, proposte dall’e-commerce di Ratioform, che possono garantire la sicurezza di questi generi alimentari. Inoltre, nel caso in cui doveste spedire generi deperibili come carne o latticini, dovrete necessariamente utilizzare un imballaggio apposito per favorire la già citata catena del freddo.

Avere grande cura nella scelta dell’imballaggio per le spedizioni di generi alimentari non significa solamente assicurare un viaggio tranquillo ai nostri prodotti, ma anche rispettare le normative vigenti in materia. È infatti assolutamente proibito spedire merce sfusa, che non sia contenuta nelle apposite scatole di imballaggio: in questi casi non solo la vostra spedizione non passerà la dogana, ma voi potreste essere anche soggetti a multe piuttosto salate.

Valutare la lista nera dei paesi stranieri

Un alimento che a voi potrebbe sembrare perfettamente legale, all’estero potrebbe invece causarvi più di un guaio. Alcuni paesi extra-europei, come ad esempio l’Australia, sono particolarmente selettivi sugli alimenti provenienti dall’estero, sia per una questione di bio-diversità che per una questione di difesa della propria economia. Per questo motivo, accertatevi sempre che gli alimenti che intendete spedire non figurino all’interno della lista nera dei generi alimentari proibiti.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

birra

La Birra Antoniana Marechiaro dedicata a Napoli

Da Napoli al resto del mondo: alcune dritte per la spedizione di alimenti verso l’estero