,

Rca Napoli Virtuosa

Rca Napoli Virtuosa
Rca Napoli Virtuosa

Rca Napoli Virtuosa
Rca Napoli Virtuosa
Rca Napoli Virtuosa ha come obiettivo il calo simultaneo delle frodi e delle tariffe. Alcuni degli ingredienti della Convenzione sono già presenti sul mercato della Rcauto, cui si aggiungono iniziative mai sperimentate in precedenza, messe a punto dal Comune di Napoli. L’insieme delle misure porta una formula innovativa. Ecco perché la città più tartassata d’Italia può indicare una strada che sia adottata da sempre più compagnie e su più territori.


1. Filtro all’ingresso. La Convenzione non è per tutti. Il blocco principale è l’essere in regola con il pagamento della Tarsu nel 2010, quando la città era sommersa dai rifiuti. Due napoletani su tre hanno ugualmente versato l’imposta mostrando forte senso civico. E il senso civico è un valore: c’è la verifica statistica che chi paga la Tarsu denuncia meno sinistri auto.

2. La scatola nera va montata. Può sembrare una banalità, ma il passaggio in officina per il montaggio gratuito della scatola nera consente di visionare l’auto. Ne consegue che un veicolo incidentato non può essere assicurato per integro, finora classica premessa di un sinistro simulato.

3. Freno ai falsi testimoni. Alcuni sinistri sono del tutto inventati e coinvolgono automobilisti inconsapevoli. Il tracciato della scatola nera permette di difendersi con successo dai falsi testimoni, dimostrando che al momento del presunto incidente l’auto era altrove o che, se passava sul posto, non ha avuto alcun impatto.


4. Sinistro certificato. In caso di incidente la scatola nera certifica l’accaduto, stima i danni e accelera la pratica. Si tutela inoltre la salute, perché il controllo satellitare attiva, se necessario, celermente i soccorsi.

5. Risarcimento in forma specifica. Quando il risarcimento è in denaro, sovente il veicolo non viene riparato e per il medesimo danno talvolta viene presentata una nuova richiesta di rimborso, per un incidente fittizio. Se al posto del ristoro monetario il danno è riparato in officina convenzionata (con garanzia di dodici mesi) si elimina tale fenomeno, si dà il giusto valore al risarcimento e si porta lavoro regolare sul territorio.

6. Freno ai costi accessori. La Convenzione segue il percorso dell’indennizzo diretto, ovvero frena i costi accessori e prevede termini solleciti: costi di assistenza legale entro un termine stabilito (30, 60 o 90 giorni a seconda del tipo di sinistro). A Napoli l’intervento di un avvocato dal primo giorno del sinistro, in assenza di contenzioso, è un fenomeno otto volte superiore alla media nazionale, che porta un sensibile aumento dei costi accessori. Naturalmente se la Compagnia non rispetta i tempi o se fa un’offerta che non soddisfa l’assicurato, resta la possibilità di aprire un contenzioso, nel quale l’ausilio di un professionista è davvero prezioso.

7. Controllo sociale. Con Rca Napoli Virtuosa si dimostra con i fatti che la correttezza conviene. Ciò stimolerà il controllo sociale. Finora chi ha gonfiato i costi di un sinistro può averlo fatto per vendetta rispetto ai trattamenti subiti dalle assicurazioni, tra rincari e disdette, senza rendersi conto che derubava i vicini di casa. La Convenzione inverte il trend dei prezzi e rende chiaro che chi organizza una frode non raggira l’assicurazione ma i napoletani. Conviene a tutti passare dallo scontro allo sconto.

Per maggiori informazini visita il sito ufficiale di Rca Napoli Virtuosa

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maggio gol Palermo

Highlights Palermo Napoli 0-3

Rca Napoli Virtuosa

Rca Napoli Virtuosa