,

Naples Outbreak Walking Dead napoletano

Naples Outbreak Walking Dead napoletano

Naples Outbreak è una progetto fumettistico amatoriale ideato e realizzato da Mario Epifania e Giuseppe Aliberti, che hanno fuso la passioni cinematografiche e fumettistiche di entrambi per creare un “foto-fumetto” che descrive le avventure di gruppi di survivors che si trovano a fronteggiare l’esplosione di un’epidemia zombie che colpisce Napoli e a macchia d’olio si estende a tutta la Campania.

L’episodio pilota (il numero zero) mostra l’epidemia vista in terza persona e descrive l’intera esplosione di virus , le reazioni politiche e l’infezione estesa alla popolazione campana. Questo è l’unico episodio dove non vediamo nessuno dei protagonisti.

La causa scatenante del virus infettivo zombiesco è la “munnezza”, l’emergenza rifiuti riversa nelle strade del capoluogo campano, cercando di trattare argomenti sociali e politici caldi in maniera ironica e fantasiosa,passando dalla questione nord-sud alla la massoneria e alle teorie complottistiche (in particolare in episodio settimo dal titolo “Big Tonino Teory” dove uno dei protagonisti principali dà la sua visione sull’esplosione dell’epidemia fondendo Illuminati, NWO e altro ancora in un minestrone ad alto tasso coinvolgitivo).

Possiamo definirlo un po’ il WALKING DEAD NAPOLETANO, con personaggi dalle varie sfaccettature (si va dal malavitoso, al normale impiegato, all’estremista …) che incrociano i loro destini nella speranza di restare vivi e non diventare il pasto degli infetti riversati in strada. Ci teniamo nel precisare che non è niente di scopiazzato né nei personaggi né nella storia e nella sceneggiatura, il pallino principale è l’originalità e stupire il lettore, appassionarlo alla lettura e coinvolgerlo portandolo all’attesa della nuova puntata per conoscere il seguito delle vicende.

Il fumetto è gestito a puntate proprio come una serie tv, e il numero di tavole varia dalle 10 alle 25 per episodio, con episodi special edition più ampi e dettagliati.

Le puntate da episodio 1 in poi sono tutte interamente realizzate mediante set fotografici e montaggi eseguiti da noi sceneggiatori (che siamo anche attori nel fumetto) con l’aiuto di un cast di amici-coprotagonisti e comparse. Il risultato sinora ottenuto è per noi motivo di orgoglio in quanto è un iniziativa low cost e no profit che riesce a stimolare la nostra creatività e renderci in un certo senso registi e attori ed eroi della nostre storie.

La prima stagione del fumetto è arrivata al termine con puntata 14, potremo definire chiuso il primo ciclo. Ci ha regalato consensi tra amici, conoscenti ma anche un po’ di riconoscimenti a livello di siti importanti sul tema (italiaparallela, zombiekb e pagine fb affini). Speriamo di poter aumentare l’indice dei lettori e proseguire col progetto e con gli scatti per la prossima stagione 2.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

4 Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alessandro Siani a Sanremo 2012

Naples Outbreak Walking Dead napoletano