Connect with us

Il blog di Napoli

“Lacreme e sanghe” il video dei NIKILIST con la voce di Cristina Donadio.

Arte

“Lacreme e sanghe” il video dei NIKILIST con la voce di Cristina Donadio.

In un momento storico come quello in cui stiamo vivendo, dove l’egoismo delle nazioni sta battendo a mani basse la solidarietà degli uomini di buona volontà, c’è chi riesce a reagire con l’arte.

Il nuovo video dei NIKILIST viaggia controcorrente, ma viaggia veloce come una freccia, una freccia tirata da Cristina Donadio che fa da apripista al video “Lacreme e sanghe” dedicato al fenomeno delle migrazioni di essere umani.

I migranti appunto sono i protagonisti di questo video, che vivono una moderna odissea, dove anche i pericoli si sono aggiornati, al posto delle sirene che tentarono Ulisse ora c’è l’indifferenza verso il valore della vita umana. Così che il canto di Ricky Graziano dei Nikilist, non tenta di ammaliare e poi ingannare come le creature fantastiche dell’epopea scritta da Omero, ma diventa un grido di denuncia e speranza per questi sventurati ma anche per noi.

Il video “Lacreme e sanghe” dei Nikilist è girato a Napoli e sulla spiaggia di Licola, oltre alla Donadio e ai componenti della band napoletana, si vedono i volti di alcuni migranti e del loro eterno spostarsi nella purtroppo vana speranza d’integrazione che il mondo occidentale oramai stenta a concedere.

Di seguito il testo della canzone:

LACREME E  SANGHE

Lacreme, surore, sanghe, guerra,distruzione

Quann’ammore chiamma, ll’ommo  nu rrisponne.

’ E pperzone spaventate campano ‘e dulore,

fujeno comm’ ‘e ppecore annanz’ ’o lupo

e ffanno comm ’ ’o cane ca mozzeca ’o stracciato

e dda ncuollo ê debbule, a cchille c’ hànno pers’ ’a terra, a cchille c’hànno pers’ ’a faccia

Prega  pe ‘stu scuorno  ‘e tutte ‘sti ppreghiere

l’anima  ro’munno resta rint’ ‘o core.

Ma nun te scurdà ca  ll’ommo more senza ammore,

‘a  croce inchiova ‘a ggente ancor’int’ ‘o dulore.

Tu ce pierd’ ‘o suonno, si pierd’ ‘a speranza

Chi s’accatta ‘a ciorta  venne pure ‘a morte.

Ammo fatt’ addeventà ‘sta vita nu deserto,

ll’acqua arriva sulamente a cchi cumanna ‘a ggiostra

Lacreme e ssanghe, guerra e ddulore

Lacreme e ssanghe, guerra e ddulore

Prega pe ‘sta nziria ca se magna ’o tiempo

Ca se roseca ‘a memoria e te fa jastemmà.

Pure ’a storia s’arretira quanno  niente serve;

simmo meno  ra munnezza eppure ce amma stà.

Spera ca, si cagna ’o viento, tu nu mmuore

ca  resiste, pure si s’asciutta  ‘o mare.

Ce truvammo e mmo abballammo pure senza  ’e piere.

Si ’a musica è fernuta, nuje ce ‘o ddamm’ancora

Lacreme e ssanghe, guerra e ddulore

Lacreme e ssanghe, guerra e ddulore

E  cchille c’hanno pers’ ‘a terra,

chille c’hanno perso pur ’a faccia, no

nun  s’ ‘o llevano  ‘stu scuorno ‘a cuollo,

ma s’ ’o stipano arint ’o medullo.

Po’ cu ll’odio se sciacquano ‘a vocca,

e se regnon’ ‘e munnezza ‘a mente

So’ddiscariche ‘e pensiere  nire,

ca po’ fanno cchiù triste ‘o munno

Chille c’ hanno perso ‘e suonne,

chille c’hanno perso sulo ‘e pparole

nun se scarfan’ ô ffuoco d’ ’o sole, ma

s’arrecreano cu mmille culure:

‘o culore d’  ‘a morte e dd’ ‘o sanghe,

d’ ‘o rancore pe cchi tene tanto,

‘o culore ca saglie ô tramonto,

quann’ ’o juorno se fa scuro e chiagne.

Lacreme, surore, sanghe, guerra, distruzione

Quann’ammore chiamma, ll’omm nu rrisponne.

‘E pperzone spaventate campano ‘e dulore

Fujeno comm’e’ppecore annanz’ ’o lupo,

ca fa comm’ ‘o cane ca mozzeca ‘o stracciato,

e dda n’cuoll ‘e debbule, a chille c’hanno perz’ ‘a terra, a chille c’hanno perz’ ‘a faccia

Continue Reading
You may also like...
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in Arte

To Top