Stagione teatrale 2016 – 2017 al Teatro Augusteo

0
272

Stagione teatrale 2016 – 2017 al Teatro Augusteo per regalare ai suoi affezionati spettatori un nuovo anno di serate piacevoli.

au
Stagione teatrale 2016 – 2017 al Teatro Augusteo

Stagione teatrale 2016 – 2017 al Teatro Augusteo che in In ventiquattro anni di gestione ha offerto tantissime emozioni, si è conquistato un vasto pubblico, e soprattutto è riuscito a non tradire mai le attese degli spettatori, per cui i nostri abbonati hanno preso ormai l’abitudine di confermare i loro posti ancor prima di conoscere il nuovo cartellone. Offrire sempre una panoramica dei migliori spettacoli prodotti in Italia è una sfida difficile, ma ritengono di aver raggiunto in pieno questo obiettivo anche per la stagione 2016-2017: attori di primissimo piano, autori e registi d’eccellenza, tutto ciò che può piacere a persone di buon gusto che chiedono di trascorrere serate gradevoli e interessanti, in un luogo accogliente e in buona compagnia.

Dal 21 ottobre

Il debutto è affidato all’amico Enrico Montesano, che torna con un’opera particolarmente accattivante: “IL MARCHESE DEL GRILLO“. A Teatro la commedia musicale, tratta dalla sceneggiatura del film di Mario Monicelli del 1981, diventato ormai un vero e proprio “cult”, prendendo ispirazione da una figura storica realmente esistita, racconta la Roma papalina di inizio ‘800 attraverso la sottile ironia, il sarcasmo e il divertimento del Marchese Onofrio del Grillo, consegnando un grande Alberto Sordi alla storia della comicità di tutti i tempi. In questa versione teatrale musicale, un altro grande protagonista della scena italiana è chiamato a prestare tutta la propria verve e il proprio carisma al personaggio del Marchese del Grillo, segnando un’altra importante pagina della storia della commedia musicale italiana: il mattatore Enrico Montesano.

DAL 4 NOVEMBRE

Siamo ai primi del ‘900, nel cuore della belle époque. Molti teatri di prosa chiudono perché la moda dell’epoca li rende ormai deserti. Qualcuno per seguirla viene trasformato in ritrovo di numeri ben più allegrotti. Due coppie di artisti ormai alla fame sono costretti, loro, detentori dell’antica arte della tragedia, a riciclarsi come vedette di café chantant. Una serie infinita di traversie e di avventure tutte da ridere li accompagna in quello che vuole soprattutto essere l’affresco d’un epoca edonistica e culturalmente in grande decadenza. Tato Russo riscrive e trasforma la commedia di Eduardo Scarpetta in un vaudeville, che è un tourbillon di trovate e di caratteri, e intorno al classico divertentissimo intreccio scarpettiano ci propone l’analisi critica di un periodo storico che, pur durando lo spazio di una meteora, fu denso di significati culturali e civili, chiudendo un secolo, l’800, e proponendone un altro: quello dell’opera moderna

DAL 18 NOVEMBRE

Uno spettacolo particolarmente vivace, questo interpretato da Nancy Brilli in “LA BISBETICA, la bisbetica domata di William Shakspeare messa alla prova”, con Matteo Cremon, Federico Pacifici, Gianluigi “Igi” Meggiorin, Gennaro Di Biase, Anna Vinci, Dario Merlini, Brenda Lodigiani, Stefano Annoni e, nel ruolo del Dr. Jolly, Valerio Santoro, con la regia di Cristina Pezzoli. Un classico senza tempo, ineguagliato capolavoro di William Shakespeare, in una rappresentazione travolgente e colorata da elementi popolari ed echi della commedia dell’arte. Attraverso il gioco meta-teatrale la chiave registica sostituisce all’ubriacone ambulante Cristopher Sly di Shakespeare tutta la compagnia, facendola diventare il gruppo di attori che metterà in scena “La Bisbetica domata”. Tutta la vicenda sarà arricchita da una verve comica che guiderà in modo parallelo i destini degli attori della compagnia e dei personaggi della commedia.

DAL 9 DICEMBRE

Il titolo “CABARET” è famosissimo, grazie all’omonimo film del 1972 che consacrò Liza Minnelli come un’autentica star e icona del film musicale; numerose sono state le edizioni del musical in tutto il mondo, tra cui, negli ultimi anni, è memorabile la versione di Sam Mendes. Nella Berlino dei primi anni ’30, prima dell’ascesa del III Reich, il giovane romanziere americano Cliff (Mauro Simone) è a Berlino in cerca di ispirazione; nel trasgressivo Kit Kat Klub, incontra Sally Bowles (Giulia Ottonello) e tra i due inizia una relazione tempestosa. Sullo sfondo dell’avvento del nazismo, si intrecciano le storie di altri personaggi (Altea Russo/Fräulein Schneider, Michele Renzullo/Herr Schultz, Valentina Gullace/ Fräulein Kost). Neanche l’ambiguo e stravagante Maestro di Cerimonie del Kit Kat Klub – nel ruolo troveremo Giampiero Ingrassia, un gradito ritorno dopo il grandissimo successo di “Frankenstein Junior” e “Taxi a due piazze” – riuscirà a far dimenticare al pubblico che sulla Germania, e sulle loro vite, sta per abbattersi la furia hitleriana. «Un “Cabaret” come voglio io, completamente differente dalla prime due edizioni» dice il regista Saverio Marconi, «una lettura molto più dura, con alcuni momenti di teatro nel teatro.

DAL 20 DICEMBRE

Un antico proverbio osserva che “per quanto un albero possa diventare alto, le sue foglie, cadendo, torneranno sempre alle radici”. L’ultimo album in uscita a fine ottobre 2016 di Sal Da Vinci esplorerà i temi più cari all’artista da un punto di vista nuovo: infatti l’album vede la partecipazione di grandi autori della canzone italiana. “UnItalianodiNapoli” è anche il nome della nuova commedia musicale che ha ideato: una riflessione sulla nostra identità di napoletani, di italiani, di cittadini della Repubblica dei Sentimenti.

DAL 20 GENNAIO

Dopo lo straordinario successo avuto con “Quando la moglie è in vacanza”, che in due stagioni di programmazione ha registrato il tutto esaurito nei teatri che lo hanno ospitato, Massimo Ghini ha deciso di misurarsi con la travolgente comicità di un testo mai rappresentato in Italia, di cui cura anche la regia. L’autore di “UN’ORA DI TRANQUILLITÀ” è Florian Zeller, uno dei più apprezzati drammaturghi francesi contemporanei, che ha curato anche la sceneggiatura del film omonimo. Si tratta di una commedia moderna, moderna brillante e divertente, grazie al meccanismo del vaudeville giocato tra equivoci e battute esilaranti; è una macchina drammaturgicamente perfetta e geniale inventata da questo scrittore.

DAL 3 FEBBRAIO

Unico, travolgente… Divino! Tratto dall’omonimo film del ’92 che consacrò Whoopi Goldberg nell’indimenticabile ruolo di Deloris, “una svitata in abito da suora”. Alessandro Longobardi, dopo il successo ottenuto con “RAPUNZEL – il Musical”, avvia questo nuovo progetto firmato da Viola Produzioni in collaborazione con la Compagnia della Rancia, per realizzare uno degli spettacoli più attesi della stagione, già grande successo a Broadway. “SISTER ACT” è un invito alla gioia, aldivertimento, all’allegria.

DAL 17 FEBBRAIO

“TROPPO NAPOLETANO” è stato un particolare fenomeno cinematografico. Una coproduzione di Alessandro Siani e Cattleya ed è stato percepito da molti come un film piccolo ma dalle grandi emozioni. Una storia semplice che racconta le differenze che ci possono essere nella stessa città tra due zone meravigliose: il Rione Sanità e il quartiere di Posillipo. Sarà proprio l’amore tra uno scugnizzo e una posillipina a far emergere i contrasti, ma soprattutto le tradizioni, le speranze ed i sentimenti che hanno lo stesso sapore per chi è nato a Napoli. Con questo carico di emozioni, Troppo Napoletano sbarca a teatro, ma in una versione che si dirige tra la commedia ed il musical. Un cast rinnovato, ma con Gennaro Guazzo, giovane protagonista, a trascinare il pubblico dal cinema alle tavole del palcoscenico. La regia è affidata a Gianluca Ansanelli, le scene a Roberto Crea, le coreografie a Mommo e Marcello Sacchetta, la realizzazione scene ai F.lli Giustiniani. Musiche scritte da Bosnia e Gallo, le canzoni e la supervisione artistica sono firmate Alessandro

Siani, la produzione è di Buonaluna Srl.

DAL 3 MARZO

In questo momento Serena Autieri è l’attrice più amata dagli spettatori. La sua bellezza, la sua grazia, la sua voce, la sua innata signorilità, ne fanno decisamente una numero uno dello spettacolo teatrale; nella passata stagione ha conquistato migliaia di fans che l’hanno applaudita in “Vacanze romane” nel ruolo della principessa Anna, vittima dell’etichetta di corte. Tutti i nostri abbonati hanno chiesto di riaverla in cartellone col suo nuovo spettacolo, e torna quindi all’Augusteo interpretando un’altra principessa, questa volta realmente esistita: “LADY DIANA“. Ci racconta la vita della ventenne che sposò il futuro re d’Inghilterra, convinta di vivere una favola, e finì invece lasciando i due figli bambini.

DAL 19 MAGGIO

  • Il ritorno di Massimo Ranieri, con una nuova versione delle sue grandi performances musicali,  cui recita, canta e balla, è la giusta conclusione di una cartellone così ricco di eventi. L’artista negli ultimi anni si è esibito in tante prove teatrali, cinematografiche e televisive di straordinario successo, donando a migliaia di fans le sue interpretazioni sempre più emozionanti per la sua magica capacità di passare dal dramma alla macchietta, dalla canzoncina al balletto.
  • In settembre, per ricordare la Piedigrotta, lo spettacolo musicale ideato da Leonardo Ippolito, “BENTORNATA PIEDIGROTTA”
  • In settembre è in programma “LA CAGE AUX FOLLES” di Jean Poiret, da cui fu tratto il film “Il vizietto”, messo in scena dalla compagnia Senza nulla a pretendere,
  • • Tre giorni di rassegna rock Per i giovani e non più giovani cresciuti all’ombra del rock.
  • Anche gli spettacoli fuori cartellone sono interessanti e vari: abbiamo cercato di soddisfare tante richieste diverse del pubblico, volendo accontentare i nostri spettatori dai gusti differenti. In settembre, per i piccoli, proponiamo “MASHA E ORSO”.
  • Dopo aver collezionato sold out in tutto il mondo, torna in Italia il RED BULL FLYING BACH. Protagonisti assoluti di questo show unico, che fonde breakdance e musica classica sono la crew berlinese Flying Steps, quattro volte campione del mondo di breakdance e la ballerina classica Virginia Tomarchio
  • • Per le migliaia di suoi fan torna da noi Peppino di Capri, il divo internazionale che tanto amiamo tutti, e che rappresenta il cantante che ha accompagnato tutta la nostra vita. Con “UNA MUSICA INFINITA” ci accompagnerà in un viaggio musicale ricchissimo.• Dal 6 dicembre sarà all’Augusteo Giuseppe Fiorello, che propone un suo grande successo: con “VOLARE” l’artista ha girato tutta l’Italia riscuotendo applausi ogni sera, e anche i nostri spettatori hanno chiesto di battergli le mani.

    • Dal 16 marzo Enrico Brignano porta da noi un nuovo spettacolo, dopo aver raccolto per due stagioni un trionfo al Teatro Augusteo con “Evolushow”.

 

 

 

 

 

 

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY