Grande successo per il concertone del Primo Maggio a Napoli

0
71

Grande successo  per il concertone del Primo Maggio a Napoli:

da Eugenio Bennato, Ciccio Merolla, 99 Posse a Baba Sissoko, Piotta, Tonino Carotone. Festa e commozione con l’omaggio al grande Rino Zurzolo

20 mila in piazza, oltre 100 artisti coinvolti,  12 ore di musica no stop: questi i numeri del Concertone dei Terroni Uniti organizzato per il Primo Maggio a Napoli.  Una grande festa iniziata a mezzogiorno che è andata avanti oltre la mezzanotte, in una piazza Dante gremita. Il concerto dei Terroni Uniti a Napoli è stato davvero un evento di grande portata senza nulla da invidiare a quello romano, anzi con un cast d’eccezione che ha messo insieme realtà locali con artisti provenienti da tutto il Paese e con musicisti internazionali. Una macchina organizzativa impeccabile ha messo in piedi un evento a tempo di record, perfettamente riuscito. Non un solo presentatore, ma un pool di speaker di diverse radio campane, è stato chiamato sul palco dal presentatore ufficiale Gianni Simioli a dividere e condividere questa esperienza in nome di una fratellanza che va oltre le logiche di mercato e la concorrenza tra emittenti. Così è stato anche per le diverse etichette e realtà  coinvolte che hanno lavorato gomito a gomito nella riuscita dell’evento. Una grande festa dedicata al lavoro, alla fratellanza dei popoli, all’accoglienza. Momenti di commozione nel backstage tra i musicisti ed addetti ai lavori per la prematura  scomparsa di Rino Zurzolo e sul palco,  Ciccio Merolla che ha condiviso con lui tanti live, gli ha dedicato l’intero concerto:” Voglio chiedere un applauso al numero uno del contrabbasso di Napoli e del mondo: Rino Zurzolo”. La platea ha risposto con un lungo e sentito applauso.
Tutti gli artisti si sono esibiti senza percepire nessun compenso, ecco i nomi di chi si è esibiti:
Eugenio Bennato, Enzo Gragnaniello, 99 Posse, Jovine, Ciccio Merolla, Daniele Sepe, Foja, La Maschera, Franco Ricciardi, Tommaso Primo, Tartaglia Aneuro, Speaker Cenzou, Sud Express, Assurd, Asya, Cultural Boo Team, Peppoh, Oyoshe, Dope One, Tueff, Joe Petrosino, Blindur, Batà ngomà, Valentina Stella, Alan Wurzburger, ‘O Rom, Mazurk, Capone& BungtBangt, MALMÖ,  Aldolà Chivalà, Loredana Daniele, Gnut, Mujeres Creando, La Pankina Krew, Mariotto, Francesca Fariello, Ventinove e Trenta, Capatost, Francesco Di Bella, Chiodo Fisso, Pietra Montecorvino, Amed Key & RSP Sound System, Lelio Morra, Ivan Granatino, Claudia Megrè, Baba Sissoko, Tonino Carotone, Barcelona Gispy balKan Orchestra, Vallanzaska, Flaco Punx, Piotta, Muro del Canto, R.A.K( Barracruda Fam-Roma), Clavers Gold, Mimmo Epifani, Picciotto & Gold Diggers, ai quali si è aggiunto anche Elias, Paolo Caiazzo, Peppe Iodice,  e Francesco Paoloantoni, Loredana Simioli,Luca Delgado, Rosario Dello Iacovo, Pino Imperatore, Antonella Cilento, Gianluca Calvino, Maura Messina, Maurizio de Giovanni, Michele Serio, Massimo Torre, Enza Alfano, Letizia Vicedomini, Claudio Finelli, Giovanni Meola, Gaetano Di Vaio, Rosanna Iannaccone( Radio Marte), Daniele Decibel Bellini ( Radio Kiss Kiss Italia), Maria Silvia Malvone (kiss Kiss Italia), Michele Chianese ( Radio CRC), Bruno Gaipa ( Radio Punto Nuovo- Av), Fabrizio Maffei (Radio Bussola 24 – Salerno), Tarcisio Suarez ( Radio Ibiza) e Rosario Arzeo e Stefania Sirignano ( Radio Punto Zero).

Il concerto è stato sostenuto dall’ Amministrazione Comunale e da  tante realtà imprenditoriali come: Musica Posse, Jesce Sole, Campi Flegrei Srl, Full Heads, Area Live, 4Raw, Suoni del sud, Ethnos festival. Sul palco anche il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

 

Colonna sonora della giornata sarà “Gente do Sud”, il piccolo grande miracolo del collettivo “Terroni Uniti”, non solo una canzone, ma un vero e proprio inno antirazzista, che ha acceso un faro importante sulla tematica dell’immigrazione,  scagliandosi contro tutte le forme di razzismo fino a dissacrare la roccaforte leghista, portando un messaggio d’accoglienza, di fratellanza e d’amore per il diverso.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY